Vai al contenuto

Reazioni Avverse


“una risposta nociva e non intenzionale a un farmaco o a una vaccinazione per la quale è possibile stabilire una relazione causale con il farmaco o la vaccinazione stessa”

Definizione

L’AIFA definisce una reazione avversa come “una risposta nociva e non intenzionale a un farmaco o a una vaccinazione per la quale è possibile stabilire una relazione causale con il farmaco o la vaccinazione stessa.

Per distinguere se siamo di fronte a una reazione avversa dobbiamo valutare se è possibile risalire a una causa legata al prodotto medicinale.

Non è sufficiente che l’evento si sia verificato a breve distanza dalla vaccinazione o dall’assunzione del farmaco.

Situazione che non deve essere confusa con l’evento avverso (o sospetta reazione avversa), definita come “un qualsiasi episodio sfavorevole che si verifica dopo la somministrazione di un farmaco o di un vaccino, ma che non è necessariamente causato dall’assunzione del farmaco o dall’aver ricevuto la vaccinazione”.

Per approfondire vai alla pagina di EpiCentro dedicata all’interpretazione dei dati di farmacovigilanza; prima però ti consigliamo di capire la differenza tra i due tipi di farmacovigilanza: quella attiva e quella passiva, consultabile a questo link.

Quali sono le reazioni avverse del vaccino?

Ecco le reazioni avverse delle terapie geniche sperimentali – vaccini -, dichiarate dalle stesse case farmaceutiche, nel caso di specie Johnson & Johnson (ovvero Janssen), indicate nelle Avvertenze (aggiornato al 19 ottobre 2021), p. 29, righe 6-42:

«Come con qualsiasi vaccino, la vaccinazione con COVID-19 Vaccine Janssen potrebbe non proteggere completamente tutti coloro che la ricevono. La durata del periodo di protezione non è nota. 

Disturbi del sangue 

  • Tromboembolia venosa: coaguli di sangue nelle vene (tromboembolia venosa, TEV) sono stati osservati raramente a seguito della vaccinazione con COVID-19 Vaccine Janssen. 
  • Trombosi con sindrome trombocitopenica: in seguito alla vaccinazione con COVID-19 Vaccine Janssen sono stati osservati molto raramente coaguli di sangue in associazione a bassi livelli di piastrine nel sangue. Questa condizione include casi gravi di coaguli di sangue anche in siti insoliti come cervello, fegato, intestino e milza, in alcuni casi con la presenza di sanguinamento. Questi casi si sono verificati principalmente nelle prime tre settimane successive alla vaccinazione e in donne sotto i 60 anni di età.

    Questa condizione ha provocato anche la morte!
  • Trombocitopenia immune: casi di livelli molto bassi di piastrine (trombocitopenia immune), che possono essere associati a sanguinamento, sono stati segnalati molto raramente, in generale entro le prime quattro settimane dopo la vaccinazione con COVID-19 Vaccine Janssen. 

    Si rivolga immediatamente a un medico se, manifesta sintomi che possono essere segni di disturbi del sangue: mal di testa intensi o persistenti, crisi epilettiche (convulsioni), cambiamenti dello stato mentale o visione offuscata, sanguinamento insolito, comparsa, dopo alcuni giorni dalla vaccinazione, di lividi insoliti sulla pelle in un punto diverso dal sito di vaccinazione, macchie rotonde molto piccole localizzate in un punto diverso dal sito di vaccinazione, o se manifesta respiro affannoso, dolore al petto, dolore alle gambe, gonfiore alle gambe o dolore addominale persistente. Informi l’operatore sanitario (medico, farmacista o infermiere) di avere ricevuto di recente COVID-19 Vaccine Janssen. 
  • Sindrome da perdita capillare 

    In seguito alla vaccinazione con COVID-19 Vaccine Janssen sono stati segnalati casi molto rari di sindrome da perdita capillare (CLS). Almeno uno dei pazienti colpiti aveva una precedente diagnosi di CLS. La CLS è una condizione grave che può portare alla morte e che causa perdita di liquido dai piccoli vasi sanguigni (capillari) con conseguente rapido gonfiore delle braccia e delle gambe, improvviso aumento di peso e sensazione di svenimento (bassa pressione sanguigna).

    Si rivolga immediatamente al medico se sviluppa questi sintomi nei giorni successivi alla vaccinazione. 
  • Sindrome di Guillain-Barré 

    Si rivolga immediatamente al medico se si manifestano debolezza e paralisi agli arti che possono progredire al torace e al viso (sindrome di Guillain-Barré). Questa sindrome è stata segnalata molto raramente in seguito alla vaccinazione con COVID-19 Vaccine Janssen. 
  • Bambini e adolescenti :COVID-19 Vaccine Janssen non è raccomandato nei bambini e negli adolescenti di età inferiore a 18 anni. Non sono attualmente disponibili informazioni sufficienti sull’uso di COVID-19 Vaccine Janssen in bambini e adolescenti di età inferiore a 18 anni».

Eventi Avversi di speciale interesse

L’AIFA indica come eventi avversi di “speciale interesse” (così definiti espressamente dall’AIFA) i seguenti eventi avversi che possono essere ricollegati all’inoculazione del siero contro la covid, vediamo ora quali sono e che sintomatologia possono avere:

  1. Anafilassi
  2. Parestesie
  3. Miocardite
  4. Pericardite
  5. Paralisi periferica del nervo facciale

Fonti

  • Banca dati europea delle segnalazioni di sospette reazioni avverse ai farmaci : adrreports.eu 

CONDIVIDI L’ARTICOLO

Se ti è piaciuto o pensi che sia utile per altri, condividi questo articolo